Caro Chesterton…

http://www.traveladventures.org/continents/europe/images/hillofcrosses03.jpg

Caro Chesterton,

sul video della televisione italiana è apparso nei passati mesi Padre Brown, imprevedibile prete-poliziotto, creatura tipicamente tua. Peccato che non siano apparsi il professor Lucifero e il monaco Michele. Li avrei visti volentieri, come tu li hai descritti ne «La sfera e la croce», viaggianti in aeroplano, seduti l’uno accanto all’altro, Quaresima accanto a Carnevale.

Quando l’aereo è sopra la cattedrale di Londra, il professore scaglia una bestemmia all’indirizzo della Croce.

– Sto pensando se questa bestemmia ti giovi – gli dice il monaco. – Senti questa storia: io ho conosciuto un uomo come te; anche lui odiava il crocifisso; lo bandì da casa sua, dal collo della sua donna, perfino dai quadri; diceva che era brutto, simbolo di barbarie, contrario alla gioia e alla vita. Diventò più furioso ancora: un giorno s’arrampicò sul campanile di una chiesa, ne strappò la croce e la scagliò dall’alto.

Andò a finire che questo odio si trasformò in delirio prima e poi in furiosa pazzia. Una sera d’estate s’era fermato, fumando la pipa, davanti ad una lunghissima palizzata; non brillava una luce, non si muoveva una foglia, ma egli credette di vedere la lunga palizzata tramutata in un esercito di croci, legate l’una all’altra su per la collina, giù per la valle. Allora, roteando il bastone, mosse contro la palizzata, come contro una schiera di nemici; per quanto era lunga la strada, strappò, spezzò, sradicò tutti i pali che incontrava. Odiava la croce ed ogni palo era per lui una croce. Arrivato a casa, continuò a veder croci dappertutto, pestò i mobili, appiccò il fuoco e l’indomani lo trovarono cadavere nel fiume.

A questo punto, il professore Lucifero guarda il vecchio monaco mordersi le labbra e dice: «Questa storia te la sei inventata!». «Sì, risponde Michele, l’ho inventata adesso; ma essa esprime bene quello che state facendo tu ed i tuoi amici increduli. Voi cominciate con lo spezzare la croce e finite col distruggere il mondo abitabile».
(Dalle Lettere di Albino Luciani)

Per leggere il resto:

http://www.guidocopes.it/frammenti/luciani.html

Caro Chesterton…ultima modifica: 2009-11-07T14:54:23+01:00da ritina5
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento